Sinusiti Mascellari Odontogene
GSK Infettivologia
Sinusite
Forum Infettivologico

Trapianto allogenico di midollo osseo con Ciclofosfamide post-trapianto per i pazienti con infezione da HIV e neoplasie ematologiche


Il trapianto allogenico di sangue o di midollo ( alloBMT ) è un trattamento potenzialmente salvavita per le persone con infezione da virus HIV e neoplasie ematologiche; le problematiche includono l'identificazione dei donatori e il mantenimento della terapia antiretrovirale ( ART ).
Sono stati studiati gli interventi per espandere le opzioni dei donatori e per prevenire le interruzioni della terapia antiretrovirale per i pazienti con infezione da HIV che necessitano di alloBMT.

Uno studio interventistico a braccio singolo è stato condotto presso il Johns Hopkins Sidney Kimmel Comprehensive Cancer Center ( Baltimora, MD, USA ).
Erano eleggibili individui con HIV che avevano almeno 18 anni di età ed avviati ad alloBMT per un'indicazione clinica standard.
L'unico criterio di esclusione era una storia di documentata resistenza ad Enfuvirtide.

È stata utilizzata la Ciclofosfamide post-trapianto come profilassi della malattia del trapianto contro l'ospite ( GVHD ) per espandere le opzioni dei donatori e una strategia antiretrovirale ottimizzata per evitare i potenziatori farmacologici e aggiungere Enfuvirtide sottocutanea durante la somministrazione di Ciclofosfamide post-trapianto e durante l'intolleranza ai farmaci orali.

L’esito primario era la percentuale di partecipanti che hanno mantenuto la terapia antiretrovirale fino al giorno 60 dopo alloBMT.
È stato misurato il reservoir latente di HIV utilizzando un test quantitativo di crescita virale.

Tra il 2013 e il 2015, 9 pazienti avviati al trapianto hanno fornito il consenso. 2 pazienti avevano un tumore maligno recidivante prima dell'inizio delle ricerche dei donatori. 7 pazienti avevano donatori idonei identificati ( 2 fratelli abbinati, 2 soggetti non-imparentati abbinati, 2 aploidentici e 1 non-imparentato con mismatch di singolo antigene ) e sono passati a trapianto allogenico.

Tutti i pazienti hanno mantenuto la terapia antiretrovirale fino al giorno 60 e hanno richiesto modifiche della terapia antiretrovirale ( mediana 1 ) nei primi 90 giorni.
Un paziente ha interrotto la terapia antiretrovirale e ha sviluppato un rebound dell'HIV con meningoencefalite di grado 4 al giorno 146.

Tra 6 pazienti sottoposti ad alloBMT che avevano misurazioni longitudinali disponibili, il reservoir latente di HIV non è stato rilevato post-alloBMT in 4 pazienti con più del 95% di chimerismo del donatore, coerentemente con una riduzione del 2.06–2.54 log 10 del reservoir latente di HIV.
Nei 2 pazienti con chimerismo del donatore inferiore al 95%, il reservoir latente di HIV è rimasto stabile.

Utilizzando la Ciclofosfamide post-trapianto come profilassi contro la malattia GVHD sono state ampliate con successo le opzioni dei donatori alloBMT per i pazienti con infezione da HIV.
La continuazione della terapia antiretrovirale con un regime che includeva Enfuvirtide post-alloBMT è sicura, ma con l'interruzione della terapia antiretrovirale può verificarsi un rimbalzo virale pericoloso per la vita. ( Xagena2020 )

Durand CM et al, Lancet HIV 2020; 7: 602-610

Inf2020 Emo2020 Onco2020 Farma2020



Indietro