Sinusite
GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa

Sicurezza, aderenza e sieroconversione dell'HIV-1 tra le donne che usano l'anello vaginale con Dapivirina: studio DREAM


Il Ring Study, uno studio di fase 3 su 1.959 donne sessualmente attive, ha mostrato un profilo di sicurezza favorevole e una riduzione del rischio di infezione da HIV-1 del 31% per un anello vaginale contenente 25 mg di Dapivirina, rispetto a un anello placebo.

E' stato ora riportato lo studio DREAM, in aperto, che ha valutato la sicurezza, l'aderenza e l'incidenza di HIV-1 in coloro che utilizzano l'anello vaginale a base di Dapivirina ( DVR ).

Lo studio DREAM è un'estensione in aperto del Ring Study, condotto presso cinque centri di ricerca in Sud Africa e un centro di ricerca in Uganda.
Erano idonee le ex partecipanti al Ring Study, rimaste HIV negative, e che non avevano interrotto lo studio a causa di un evento avverso o di un problema di sicurezza considerato correlato al prodotto in sperimentazione.

Le donne in gravidanza, che stavano pianificando una gravidanza o che stavano allattando al seno allo screening per DREAM sono state escluse.
Tutte le partecipanti hanno ricevuto l'anello vaginale a base di Dapivirina per l'inserimento alla visita di registrazione.

Le partecipanti hanno effettuato una visita di follow-up a 1 mese e potevano procedere con le visite una volta ogni 3 mesi o partecipare a visite mensili fino al mese 3 e poi continuare con le visite una volta ogni 3 mesi.

Ad ogni visita sono stati effettuati test HIV e valutazioni di sicurezza, ed è stata misurata la Dapivirina residua negli anelli utilizzati ( circa 4 mg vengono rilasciati dall' anello vaginale a base di Dapivirina in 28 giorni di uso costante ).

L'incidenza dell'HIV-1 è stata confrontata in modo descrittivo con il tasso di incidenza simulato ottenuto dal campionamento bootstrap delle partecipanti nel gruppo placebo del Ring Study, abbinate per centro di ricerca, età e presenza di infezioni a trasmissione sessuale al momento dell'arruolamento.

Tra il 2016 e il 2019, sono state esaminate 1.034 ex partecipanti al Ring Study, 941 sono state arruolate e 848 hanno completato lo studio.
616 delle 941 partecipanti ( 65.5% ) hanno riportato eventi avversi emergenti dal trattamento. Di queste, 6 ( 0.6% ) hanno avuto eventi considerati correlati al trattamento.
Non sono stati segnalati eventi avversi gravi correlati al trattamento.

Le misurazioni delle quantità residue mensili dell'anello nelle partecipanti arruolate in entrambi gli studi hanno mostrato valori medi costantemente inferiori in DREAM rispetto al Ring Study.

Le medie aritmetiche delle quantità residue dell'anello delle partecipanti al gruppo DVR Ring Study che sono state arruolate in DREAM sono state inferiori di 0.25 mg ( P=0.027 ) rispetto alle quantità residue medie dell'anello di questi partecipanti nel Ring Study.

Sono state confermate 18 ( 1.9% ) infezioni da HIV-1 durante l'uso dell' anello vaginale a base di Dapivirina, risultante in un'incidenza di 1.8 per 100 anni-persona, del 62% inferiore al tasso di placebo simulato.

Sebbene la stima dell'efficacia sia limitata dall'assenza di un gruppo placebo, la bassa incidenza di HIV-1 osservata e la migliore aderenza osservata in DREAM supportano l'ipotesi secondo cui si verifichi una maggiore efficacia dovuta a una migliore aderenza quando le donne conoscono la sicurezza e l'efficacia dell' anello vaginale a base di Dapivirina.

È stata dimostrata la fattibilità di un Programma di visita una volta ogni 3 mesi, indicando che l' anello vaginale a base di Dapivirina può essere utilizzato in una situazione del mondo reale nella pratica clinica abituale. ( Xagena2021 )

Nel A et al, Lancet HIV 2021; 8: 77-86

Inf2021 Gyne2021 Farma2021


Indietro