GSK Infettivologia
Sinusiti Mascellari Odontogene
Sinusite
Forum Infettivologico

Inibizione del capside con Lenacapavir nell'infezione da HIV-1 multiresistente


I pazienti con infezione da virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 multiresistente ( HIV-1 ) hanno opzioni di trattamento limitate.
Lenacapavir è un inibitore del capside di prima classe che ha mostrato una sostanziale attività antivirale in uno studio di fase 1b.

In uno studio di fase 3, sono stati arruolato pazienti con infezione da HIV-1 multiresistente in due coorti, in base alla variazione del livello plasmatico di HIV-1 RNA tra lo screening e le visite di selezione di coorte.

Nella coorte 1, i pazienti sono stati inizialmente assegnati in modo casuale a ricevere Lenacapavir orale o placebo in aggiunta alla terapia fallimentare per 14 giorni; durante il periodo di mantenimento, a partire dal giorno 15, i pazienti del gruppo Lenacapavir hanno ricevuto Lenacapavir per via sottocutanea una volta ogni 6 mesi e quelli del gruppo placebo hanno ricevuto Lenacapavir orale, seguito da Lenacapavir sottocutaneo; entrambi i gruppi hanno ricevuto anche una terapia di base ottimizzata.

Nella coorte 2, tutti i pazienti hanno ricevuto Lenacapavir orale in aperto con terapia di base ottimizzata nei giorni da 1 a 14; Lenacapavir sottocutaneo è stato quindi somministrato una volta ogni 6 mesi a partire dal giorno 15.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti nella coorte 1 che avevano una diminuzione di almeno 0.5 log 10 copie per millilitro della carica virale entro il giorno 15; un endpoint secondario chiave era una carica virale inferiore a 50 copie per millilitro alla settimana 26.

Sono stati arruolati in totale 72 pazienti, di cui 36 in ciascuna coorte. Nella coorte 1, è stata osservata una diminuzione di almeno 0.5 log 10 copie per millilitro della carica virale entro il giorno 15 in 21 pazienti su 24 ( 88% ) nel gruppo Lenacapavir e in 2 pazienti su 12 ( 17% ) nel gruppo placebo ( differenza assoluta, 71 punti percentuali ).

Alla settimana 26, una carica virale inferiore a 50 copie per millilitro è stata riportata nell'81% dei pazienti nella coorte 1 e nell'83% nella coorte 2, con un aumento medio dei minimi quadrati nella conta dei CD4+ di 75 e 104 cellule per millimetro cubo, rispettivamente.

Non sono stati identificati eventi avversi gravi correlati a Lenacapavir.
In entrambe le coorti, le sostituzioni del capside correlate a Lenacapavir, associate a una ridotta sensibilità, si sono sviluppate in 8 pazienti durante il periodo di mantenimento ( 6 con sostituzioni M66I ).

Nei pazienti con infezione da HIV-1 multiresistente, quelli che hanno ricevuto Lenacapavir hanno avuto una riduzione maggiore della carica virale dal basale, rispetto a quelli che hanno ricevuto il placebo. ( Xagena2022 )

Segal-Maurer S et al, N Engl J Med 2022; 386: 1793-1803

Inf2022 Farma2022


Indietro