Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Neurobase.it

Infezione da HIV: le funzioni di previsione del rischio cardiovascolare sottovalutano il rischio


Il rischio di malattie cardiovascolari è elevato negli individui con infezione da HIV, con contributi da fattori di rischio tradizionali e non-tradizionali.
L'accuratezza delle funzioni di previsione del rischio cardiovascolare stabilite nell'HIV è incerta.
Sono state valutate le prestazioni di tre funzioni di previsione del rischio cardiovascolare stabilite in una coorte di uomini con infezione da HIV.

Le funzioni FHS ( Framingham Heart Study ) per la malattia coronarica hard ( FHS CHD ) e malattia cardiovascolare aterosclerotica ( FHS ASCVD ) e la funzione ASCVD dell'American College of Cardiology / American Heart Association [ ACC/AHA ] sono state applicate alla coorte Partners HIV.

I punteggi di rischio sono stati calcolati tra il 2006 e il 2008.

Gli esiti includevano malattia coronarica ( infarto miocardico o morte coronarica ) per la funzione FHS CHD e ASCVD ( infarto miocardico, ictus o morte coronarica ) per le funzioni FHS ASCVD e ACC/AHA ASCVD.

È stata studiata l'accuratezza della previsione del rischio cardiovascolare per ciascuna funzione quando sono state applicate alla coorte HIV.

La coorte HIV era composta da 1.272 uomini seguiti per una mediana di 4.4 anni.

Ci sono stati 78 eventi ASCVD ( 6.1% ); il tasso di incidenza a 5 anni è stato pari a 16.4 per 1.000 anni-persona.

La discriminazione è stata da moderata a scarsa come indicato dalla bassa C statistica ( 0.68 per FHS CHD, 0.65 per ACC/AHA ASCVD e 0.67 per FHS ASCVD ).

Il rischio cardiovascolare osservato ha superato il rischio previsto per ciascuna funzione nella maggior parte dei decili di rischio previsto.

La calibrazione, o la bontà dell'adattamento dei modelli, è risultata costantemente scarsa, con valori X2 P significativi per tutte le funzioni.
La ricalibrazione non ha migliorato in modo significativo l'adattamento del modello.

In conclusione, le funzioni di previsione del rischio cardiovascolare sviluppate per l'uso nella popolazione generale sono imprecise nell'infezione da HIV e sottovalutano sistematicamente il rischio in una coorte di uomini con infezione da HIV.
Lo sviluppo di funzioni di previsione del rischio cardiovascolare che incorporino fattori di rischio cardiovascolari tradizionali e fattori specifici di HIV è probabile porterà a una stima del rischio più accurata per guidare la prevenzione delle malattie cardiovascolari. ( Xagena2018 )

Triant VA et al, Circulation 2018; 137: 2203-2214

Cardio2018 Inf2018



Indietro