Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Reumabase.it

Incidenza di un primo evento trombotico venoso nelle persone con infezione da HIV


Il rischio di eventi trombotici venosi è elevato nelle persone con infezione da HIV ( (virus dell'immunodeficienza umana ), ma le stime generali del rischio e le stime specifiche per lo stato immunitario e il farmaco antiretrovirale rimangono imprecise.
Sono stati stimati questi parametri in un'ampia coorte di persone con infezione da HIV in Olanda.

In uno studio di coorte retrospettivo è stata utilizzata la coorte olandese ATHENA per stimare le incidenze grezze, standardizzate per età e sesso e specifiche per periodo di rischio di un primo evento trombotico venoso in persone di età a partire da 18 anni che frequentavano 12 Centri di trattamento dell'HIV in Olanda.

Incidenze grezze e standardizzate sono state confrontate con studi a livello di popolazione europea su eventi trombotici venosi.
È stato stimato il rischio di un primo evento trombotico venoso associato a fattori specifici dell'HIV ( conta delle cellule CD4, carica virale, recenti infezioni opportunistiche, uso di farmaci antiretrovirali ) aggiustati per i tradizionali fattori di rischio per eventi trombotici venosi.

Con dati raccolti dal 2003 al 2015, la coorte di studio ha incluso 14.389 persone con infezione da HIV e 99.762 anni-persona di follow-up, con un follow-up mediano di 7.2 anni.
Durante questo periodo, si sono verificati 232 primi eventi trombotici venosi, con una incidenza grezza di 2.33 eventi per 1.000 anni-persona e un'incidenza standardizzata per età e sesso di 2.50 eventi per 1.000.

Le conte CD4 minori di 200 cellule per microlitro sono state associate indipendentemente a un rischio più elevato di un evento trombotico venoso: hazard ratio aggiustato ( aHR ) 3.40 relativo a conte di 500 cellule per microl.

Anche un'elevata carica virale ( aHR 3.15; superiore a 100.000 copie per ml versus inferiore a 50 copie per ml ) ed eventi avversi opportunistici attuali o recenti ( 2.80 ) sono stati associati indipendentemente a un rischio più elevato di un evento trombotico venoso.

Non ci sono state associazioni tra specifici farmaci antiretrovirali e rischio di un evento trombotico venoso.

I tassi associati a gravidanza ( 9.4 ), tumori maligni ( 16.7 ) e ricovero ( 24.4 ) erano inferiori alle soglie di tromboprofilassi primaria suggerite dalle rispettive linee guida.

I risultati non supportano né la prescrizione di tromboprofilassi primaria ambulatoriale né la mancanza di qualsiasi tipo di farmaco antiretrovirale nelle persone con infezione da HIV ad alto rischio di un evento trombotico venoso. ( Xagena2019 )

Borjas Howard JF et al, Lancet HIV 2019; 6: 173-181

Inf2019 Emo2019



Indietro