OncoGinecologia.net
Ematologia.net
OncologiaMedica.net

Trattamento antiretrovirale: effetti dell’inizio precoce versus ritardato sugli esiti clinici nella infezione da HIV-1


L’uso del trattamento antiretrovirale per l’infezione da HIV-1 ( virus della immunodeficienza umana ) ha ridotto morbilità e mortalità correlate all’AIDS e previene la trasmissione del virus HIV-1.

Tuttavia, non è noto il momento migliore per l’inizio della terapia antiretrovirale al fine di ridurre la progressione della infezione da HIV-1 o gli eventi clinici non dovuti ad AIDS.

È stato riportato in precedenza che un trattamento antiretrovirale precoce era in grado di ridurre la trasmissione di HIV-1 del 96%.

È stato condotto uno studio per confrontare gli effetti dell’inizio precoce e ritardato del trattamento antiretrovirale sugli esiti clinici.

Lo studio randomizzato e controllato HPTN 052 è stato condotto in 13 Centri in 9 Paesi.

Sono state arruolate nello studio coppie HIV-1-sierodiscordanti che sono state assegnate in maniera casuale a trattamento antiretrovirale precoce o ritardato con stratificazione in base al sito.

La randomizzazione è stata effettuata in aperto.

I membri di ciascuna coppia infettati da virus HIV-1 hanno iniziato la terapia antiretrovirale al momento dell’ingresso nello studio ( gruppo trattamento precoce ) o dopo un declino della conta di CD4 o con l’insorgenza di una malattia legata all’AIDS ( gruppo trattamento ritardato ).

Gli eventi primari erano eventi clinici legati ad AIDS ( malattia da HIV-1 di stadio 4 secondo OMS, tubercolosi e infezioni batteriche gravi ) e le seguenti condizioni mediche gravi non-correlate ad AIDS: malattia cardiovascolare o vascolare grave, epatopatia grave, nefropatia terminale, diabete mellito di nuova insorgenza e tumori AIDS-indipendenti.

Sono state arruolate nello studio 1763 persone con infezione da HIV-1 e un partner sierodiscordante; 886 sono stati assegnati a trattamento antiretrovirale precoce e 877 al trattamento ritardato ( 2 individui sono stati esclusi da questo gruppo dopo la randomizzazione ).

La conta mediana delle cellule CD4 alla randomizzazione era di 442 cellule per microl nei pazienti assegnati al gruppo trattamento precoce e 428 cellule per microl in quelli assegnati a trattamento antiretrovirale ritardato.

Nel gruppo trattamento ritardato, la terapia antiretrovirale è stata iniziata a una conta mediana di CD4 pari a 230 cellule per microl.

Eventi clinici primari sono stati riportati in 57 individui assegnati a inizio precoce del trattamento versus 77 del gruppo trattamento antiretrovirale ritardato ( hazard ratio, HR=0.73; p=0.074 ).

L’insorgenza di nuovi eventi legati ad AIDS è stata osservata in 40 partecipanti assegnati a trattamento antiretrovirale precoce versus 61 assegnati a inizio ritardato della terapia ( 0.64; p=0.031 ); la tubercolosi si è sviluppata in 17 versus 34 pazienti, rispettivamente ( 0.49, p=0.018 ) e gli eventi primari non-correlati ad AIDS sono risultati rari ( 12 nel gruppo trattamento precoce vs 9 con il trattamento ritardato ).

In totale, si sono manifestati 498 esiti primari e secondari nel gruppo trattamento precoce ( incidenza 24.9 per 100 anni-persona ) versus 585 nel gruppo trattamento ritardato ( 29.2 per 100 anni-persona; p=0.025 ).

Sono decedute 26 persone, 11 nel gruppo trattamento precoce e 15 nel gruppo trattamento ritardato.

In conclusione, l’inizio precoce del trattamento antiretrovirale ritarda il tempo alla comparsa di eventi legati ad AIDS e diminuisce l’incidenza di esiti primari e secondari.
I benefici clinici registrati, in combinazione con la grande riduzione nel rischio di trasmissione di HIV-1 precedentemente riportata, fornisce un forte sostegno all’inizio precoce del trattamento antiretrovirale. ( Xagena2014 )

Grinsztejn B et al, Lancet Infect Dis 2014; 14: 281-290

Inf2014



Indietro