Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Studio RESIST-1: Tipranavir nel trattamento dei pazienti experienced HIV-positivi con resistenza agli inibitori della proteasi


Il Tipranavir è un inibitore non-peptidico della proteasi.

Lo studio RESIST-1 ( Randomized Evaluation of Strategic Intervention in multi-drug ResiStant Patients with Tipranavir-1 ) ha confrontato Tipranavir associato a Ritonavir a basso dosaggio con un inibitore della proteasi associato a Ritonavir a basso dosaggio, nei pazienti con documentata resistenza agli inibitori della proteasi.

Il regime di confronto poteva includere anche Enfuvirtide, Lopinavir, Saquinavir, Amprenavir o Indinavir.

Hanno preso parte allo studio 620 pazienti che avevano sviluppato resistenza ad almeno 3 regimi antiretrovirali multipli, comprendendo almeno 2 regimi basati su inibitori della proteasi ed almeno una mutazione primaria per l’inibitore della proteasi, ma non più di 2 mutazioni agli aminoacidi 30, 82,84 e 90.

La carica virale dei pazienti era superiore a 1.000 copie/ml.

La risposta al trattamento era definita come riduzione di 1 log10 o superiore della carica virale rispetto al basale.

La risposta al trattamento a 24 settimane è stata raggiunta dal 41.5% dei pazienti che hanno ricevuto Tipranavir/Ritonavir rispetto al 22.3% dei pazienti trattati con un inibitore della proteasi/Ritonavir.

Inoltre, un numero maggiore di pazienti trattati con Tipranavir ha raggiunto una carica virale al di sotto di 400 copie/ml ( 34.7% versus 16.5% ) e di 50 copie/ml ( 32.8% versus 14.35 ).

I pazienti che hanno assunto Tipranavir hanno anche presentato un maggior aumento delle cellule CD4+ ( +36 cellule/mm(3) ).

I pazienti trattati con Tipranavir hanno presentato aumenti dei livelli epatici e dei livelli lipidici. ( Xagena2004 )

Fonte: 44th ICAAC, 2004

Inf2004 Farma2004


Indietro