Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Farmaexplorer.it

I pazienti con HIV in trattamento con HAART mostrano alte frequenze di cellule T CD8 specifiche per la proteina IE1 di cytomegalovirus


Ricercatori del Royal Perth Hospital in Australia hanno condotto uno studio allo scopo di valutare la frequenza ed il genotipo delle cellule T CD8 specifiche per cytomegalovirus nei pazienti affetti da HIV con una precedente immunosoppressione , con viremia per HIV stabile non-rilevabile, dovuta alla terapia antiretrovirale altamente attiva ( HAART, highly active antiretroviral therapy ).

Sono stati studiati i casi di 21 pazienti con infezione da HIV e sieropositivi per cytomegalovirus con conta al nadir delle cellule T CD4 inferiore a 50 x 106 cellule/l, con almeno 4 anni di terapia HAART e 6 mesi di completa soppressione virale ( livello di HIV RNA inferiore a 50 copie/ml ).
I casi dei pazienti sono stati confrontati, per età e sesso, con 12 soggetti sieropositivi per il cytomegalovirus e sieronegativi per il virus HIV.

Rispetto ai controlli, i pazienti con infezione da HIV hanno presentato un elevato numero di cellule T CD8 positive-alla-perforina, producenti interferone-gamma, specifiche per IE-1.
Siccome IE1 è espressa precocemente durante la riattivazione di cytomegalovirus, queste cellule possono avere una certa importanza nel prevenire la replicazione del cytomegalovirus a livelli patogeni.
Inoltre, le cellule T CD4, specifiche per il cytomegalovirus, non sono essenziali per il mantenimento di ampie popolazioni di cellule T CD8 specifiche per cytomegalovirus nei pazienti aviremici con infezione da HIV trattati con HAART. ( Xagena2005 )

Stone SF et al, AIDS 2005; 19: 555-562

Inf2005


Indietro