XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it

Effetto della Tesamorelina sul grasso viscerale e sul grasso epatico in pazienti affetti da infezione da HIV con accumulo di grasso addominale


Tra i pazienti con infezione da virus della immunodeficienza umana ( HIV ), l'adiposità viscerale è associata a disregolazione del metabolismo e ad accumulo di grasso ectopico.
La Tesamorelina ( Egrifta ), un analogo dell’ormone rilasciante l’ormone della crescita ( GHRH ), in particolare ha l’obiettivo di ridurre il grasso viscerale, ma i suoi effetti sul grasso del fegato sono sconosciuti.

È stato studiato l'effetto della Tesamorelina sul grasso viscerale ed epatico in uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, condotto tra 50 uomini e donne con infezione da HIV, trattati con antiretrovirali, e con accumulo di grasso addominale, presso il Massachusetts General Hospital di Boston.

Il primo paziente è stato arruolato il 10 gennaio 2011; per il paziente finale, la visita a 6 mesi è stata completata il 6 settembre 2013.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 2 mg di Tesamorelina ( n=28 ) oppure placebo ( n=22 ) al giorno per via sottocutanea per 6 mesi.

Gli endpoint primari erano i cambiamenti nel tessuto adiposo viscerale e nel grasso del fegato.
Gli endpoint secondari includevano i livelli di glucosio e altri endpoint metabolici.

48 pazienti hanno ricevuto il trattamento con il farmaco in studio.

La Tesamorelina ha ridotto in modo significativo il tessuto adiposo viscerale ( variazione media, -34 cm2 con Tesamorelina vs 8 cm2 con placebo; effetto del trattamento, -42 cm2; P=0.005 ) e il grasso epatico ( cambiamento medio nella percentuale di lipidi in rapporto all’acqua, -2.0% con Tesamorelina vs 0.9% con placebo; P=0.003 ) nell’arco di 6 mesi, per un effetto del trattamento netto di -2.9% nella percentuale di lipidi in rapporto all’acqua.

La glicemia a digiuno è aumentata nel gruppo Tesamorelina a 2 settimane ( variazione media, 9 mg/dl vs 2 mg/dl nel gruppo placebo; effetto del trattamento, 7 mg/dl; P=0.03 ), ma i cambiamenti a 6 mesi nella glicemia a digiuno ( variazione media, 4 mg/dl con Tesamorelina vs 2 mg/dl con placebo; effetto del trattamento, 2 mg/dl; P=0.72 nei vari momenti temporali ) e nella glicemia a 2 ore ( variazione media, -1 mg/dl vs -8 mg/dl, rispettivamente; effetto del trattamento, 7 mg/dl; P= 0.53 nei vari momenti temporali ) non erano significativi.

In conclusione, in questo studio preliminare di pazienti con infezione da HIV con accumulo di grasso addominale, Tesamorelina somministrata per 6 mesi era associata a una riduzione del grasso viscerale, e a una modesta riduzione del grasso epatico.
Sono necessari ulteriori studi per determinare l’importanza clinica e le conseguenze a lungo termine di questi risultati. ( Xagena2014 )

Stanley TL et al, JAMA 2014;312:380-389

Inf2014 Endo2014 Farma2014


Indietro