Sinusite
GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa

Dolutegravir o Darunavir in combinazione con Zidovudina o Tenofovir per il trattamento dell'infezione da HIV


L'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ) raccomanda Dolutegravir con due inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa ( NRTI ) per il trattamento di seconda linea dell'infezione da virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 ( HIV-1 ).

L'evidenza dell'efficacia di questo regime è limitata quando si prevede che gli NRTI manchino di attività a causa della resistenza ai farmaci, nonché per il cambio raccomandato di un NRTI da Tenofovir a Zidovudina.

In uno studio fattoriale due per due, in aperto, di non-inferiorità, sono stati assegnati in modo casuale i pazienti per i quali la terapia di prima linea stava fallendo ( carica virale dell'HIV-1 maggiore o uguale a 1.000 copie per millilitro ) a ricevere Dolutegravir ( Tivicay ) o Darunavir ( Prezista ) potenziato con Ritonavir e a ricevere Tenofovir o Zidovudina; tutti i pazienti hanno ricevuto Lamivudina.

L'esito primario era una carica virale alla settimana 48 inferiore a 400 copie per millilitro, valutata con l'algoritmo snapshot della FDA [ Food and Drug Administration ] ( margine di non-inferiorità per la differenza tra i gruppi nella percentuale di pazienti con esito primario, 12 punti percentuali ).

Sono stati arruolati 464 pazienti in sette siti dell'Africa subsahariana. Una carica virale alla settimana 48 inferiore a 400 copie per millilitro è stata osservata nel 90.2% dei pazienti nel gruppo Dolutegravir ( 212 su 235 ) e nel 91.7% di quelli nel gruppo Darunavir ( 210 su 229 ) ( differenza, -1.5 punti percentuali; P=0.58 indicante la non-inferiorità di Dolutegravir, senza superiorità ) e nel 92.3% dei pazienti nel gruppo Tenofovir ( 215 su 233 ) e nell'89.6% di quelli nel gruppo Zidovudina ( 207 su 231 ) ( differenza, 2.7 punti percentuali; P=0.32 indicante la non-inferiorità di Tenofovir, senza superiorità ).

Nel sottogruppo di pazienti senza NRTI di cui si prevedeva l'attività, una carica virale inferiore a 400 copie per millilitro è stata osservata in oltre il 90% dei pazienti nel gruppo Dolutegravir e nel gruppo Darunavir.

L'incidenza di eventi avversi non è variata sostanzialmente tra i gruppi in entrambi i confronti fattoriali.

Dolutegravir in combinazione con NRTI è risultato efficace nel trattamento di pazienti con infezione da HIV-1, compresi quelli con ampia resistenza agli NRTI nei quali non si prevedeva che gli NRTI avessero attività.
Tenofovir è risultato non-inferiore alla Zidovudina come terapia di seconda linea. ( Xagena2021 )

Paton NI et al, N Engl J Med 2021; 385: 330-341

Inf2021 Farma2021


Indietro