Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Sinusite
Xagena Mappa

Cabotegravir e Rilpivirina a lunga durata d'azione somministrati ogni 2 mesi negli adulti con infezione da HIV-1: risultati a 96 settimane dello studio ATLAS-2M


Cabotegravir a lunga durata d'azione ( Vocabria ) e Rilpivirina ( Rekambys ) somministrati mensilmente o ogni 2 mesi potrebbero affrontare le sfide associate alla terapia antiretrovirale orale quotidiana.
I risultati alla settimana 48 di ATLAS-2M hanno mostrato la non-inferiorità di Cabotegravir e Rilpivirina a lunga durata d'azione, somministrati ogni 8 settimane, rispetto a quelli di ogni 4 settimane.
Sono stati riportati i risultati di efficacia, sicurezza e tollerabilità dall'analisi alla settimana 96.

ATLAS-2M è uno studio randomizzato, multicentrico, in aperto, di fase 3b, di non-inferiorità condotto in 13 Paesi, che ha valutato la sicurezza e l'efficacia del trattamento di mantenimento con iniezioni intramuscolari di Cabotegravir e Rilpivirina a lunga durata d'azione, somministrati ogni 8 settimane versus ogni 4 settimane, alle persone che vivono con il virus HIV-1.

Adulti virologicamente soppressi con HIV-1, che già ricevevano per via intramuscolare Cabotegravir e Rilpivirina ogni 4 settimane ( partecipanti al rollover dello studio ATLAS ) o lo standard di cura orale, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Cabotegravir 600 mg e Rilpivirina 900 mg intramuscolare a lunga durata d'azione ogni 8 settimane ( gruppo di dosaggio ogni 8 settimane ) o Cabotegravir 400 mg e Rilpivirina 600 mg intramuscolare a lunga durata d'azione ogni 4 settimane ( gruppo di dosaggio ogni 4 settimane ).

L'endpoint primario alla settimana 48 era la proporzione di partecipanti con misurazioni dell'HIV-1 RNA plasmatico di 50 copie per ml o più ( algoritmo Snapshot della Food and Drug Administration [ FDA ] statunitense ), pubblicato in precedenza.

Sono stati presentati i risultati alla settimana 96: la percentuale di partecipanti con misurazioni dell'HIV-1 RNA plasmatico inferiori a 50 copie per ml ( algoritmo FDA Snapshot ), con un margine di non-inferiorità pari a -10%; la percentuale di partecipanti con misurazioni dell'HIV-1 RNA plasmatico di 50 copie per ml o più ( algoritmo FDA Snapshot ), con un margine di non-inferiorità del 4%; la percentuale di partecipanti con fallimento virologico confermato definito dal protocollo ( due misurazioni consecutive dell'HIV-1 RNA plasmatico maggiore o uguale a 200 copie per ml ); sicurezza; farmacocinetica; e tollerabilità.

Tra il 2017 e il 2018 sono stati esaminati in totale 1.149 partecipanti; di cui 1.049 ( 91% ) sono stati assegnati in modo casuale e 1.045 ( 91% ) hanno iniziato il trattamento ( 522 nel gruppo con somministrazione ogni 8 settimane e 523 nel gruppo ogni 4 settimane ).

L'età media era di 42 anni. 280 dei 1.045 partecipanti ( 27% ) sono stati assegnati al sesso femminile alla nascita, e 764 ( 73% ) erano di razza bianca.

Alla settimana 96 ( algoritmo FDA Snapshot ), 11 su 522 partecipanti ( 2% ) nel gruppo dosaggio ogni 8 settimane e 6 su 523 ( 1% ) nel gruppo dosaggio ogni 4 settimane avevano una misurazione di HIV-1 RNA di 50 copie per ml o più, con una differenza di trattamento aggiustata di 1.0, soddisfacendo la soglia di non-inferiorità prespecificata del 4%; 475 su 522 partecipanti ( 91% ) nel gruppo dosaggio ogni 8 settimane e 472 su 523 ( 90% ) nel gruppo dosaggio ogni 4 settimane hanno mantenuto una misurazione di HIV-1 RNA inferiore a 50 copie per ml, con una differenza di trattamento aggiustata di 0.8, che ha soddisfatto la soglia di non-inferiorità prespecificata di -10%.

Un partecipante al gruppo dosaggio ogni 8 settimane ha soddisfatto il criterio di fallimento virologico confermato dall'analisi della settimana 48 alla settimana 88, risultando in un totale di 9 partecipanti al gruppo di dosaggio ogni 8 settimane e 2 nel gruppo di dosaggio ogni 4 settimane con fallimento virologico confermato.

Non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza e non si sono verificati decessi correlati al trattamento.
Le reazioni al sito di iniezione sono state l'evento avverso più comune, verificatesi in 412 su 522 partecipanti ( 79% ) nel gruppo dosaggio ogni 8 settimane e 400 su 523 ( 76% ) nel gruppo dosaggio ogni 4 settimane.
La maggior parte delle reazioni al sito di iniezione era di grado 1 o 2 ( 7.453 su 7.557, 99%, in entrambi i gruppi ), con una durata mediana di 3 giorni.

Cabotegravir e Rilpivirina, a lunga durata d'azione, somministrati ogni 8 settimane hanno presentato un'efficacia non-inferiore rispetto alla somministrazione ogni 4 settimane attraverso l'analisi di 96 settimane, con entrambi i regimi che hanno mantenuto alti livelli di soppressione virologica.

Questi risultati mostrano la sicurezza, l'efficacia e l'accettabilità durature del dosaggio di Cabotegravir e Rilpivirina a lunga durata d'azione con somministrazione mensile e ogni 2 mesi come terapia di mantenimento per le persone che vivono con HIV-1. ( Xagena2021 )

Jaeger H et al, Lancet Hiv 2021; 8: 679-689

Inf2021 Farma2021


Indietro