modelli e strategie decisionali
Gastroenterologia.net
Mediexplorer
OncoGinecologia.net

Tipi di infarto miocardico e infezione da virus della immunodeficienza umana

La Second Universal Definition of Myocardial Infarction divide gli infarti del miocardio in diverse tipologie. Gli infarti del miocardio di tipo 1 risultano spontaneamente dalla instabilità della placca aterosclerotica, mentre gli infarti miocardici di tipo 2 si verificano nel contesto di una mancata corrispondenza tra domanda e apporto di ossigeno, come accade con una grave ipotensione.

Gli infarti del miocardio di tipo 2 non sono comuni nella popolazione generale, ma la loro frequenza negli individui con infezione da virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) non è nota.

Uno studio si è proposto di caratterizzare gli infarti, compreso il tipo; identificare le cause degli infarti di tipo 2; confrontare le caratteristiche demografiche e cliniche tra gli individui affetti da virus HIV con infarto miocardico di tipo 1 o di tipo 2.

Uno studio longitudinale ha identificato potenziali infarti del miocardio nei pazienti con infezione da HIV curati presso 6 Centri negli Stati Uniti dal 1996 al 2014, utilizzando dati su diagnosi e biomarcatori cardiaci.
Ogni evento è stato giudicato, categorizzando ogni infarto miocardico definito o probabile come di tipo 1 o di tipo 2 e individuando le cause dell'infarto di tipo 2.

I principali esiti erano il numero e la proporzione di infarti del miocardio di tipo 1 rispetto al tipo 2, caratteristiche demografiche e cliniche tra infarti del miocardio di tipo 1 rispetto al tipo 2, e le cause di infarto miocardico di tipo 2.

Tra 571 pazienti ( età media, 49 anni; 430 uomini e 141 donne ) con infarto del miocardio definito o probabile, 288 infarti del miocardio ( 50.4% ) erano di tipo 2 e 283 ( 49.6% ) erano di tipo 1.

Nelle analisi di infarti di tipo 1, sono stati anche inclusi 79 pazienti sottoposti a interventi cardiaci, come bypass coronarico, per un totale di 362 pazienti. 

Sepsi o batteriemia ( 100, 34.7% ) e l’uso recente di cocaina o altre droghe illecite ( 39, 13.5% ) erano le cause più comuni di infarto miocardico di tipo 2.

Una percentuale più elevata di pazienti con infarto del miocardio di tipo 2 era di età inferiore ai 40 anni ( 47 su 288, 16.3%, vs 32 su 362, 8.8% ) e aveva una più bassa conta di cellule CD4 ( mediana, 230 vs 383 cellule/mcl ), più bassi livelli di lipidi ( livello medio di colesterolo totale, 167 vs 190 mg/dl, e più bassi punteggi di rischio di Framingham medi ( 8% vs 10% ) rispetto ai pazienti con infarti di tipo 1 o sottoposti a interventi cardiaci.

In conclusione, circa la metà degli infarti del miocardio tra gli individui affetti da HIV erano infarti di tipo 2 causati da condizioni cliniche eterogenee, tra cui sepsi o batteriemia e uso recente di cocaina o altre droghe illecite.

Le caratteristiche demografiche e i fattori di rischio cardiovascolare tra gli infarti del miocardio di tipo 1 e di tipo 2 differivano, suggerendo la necessità di considerare in modo specifico il tipo tra gli individui affetti da HIV per capire meglio gli esiti dell'infarto miocardico e per guidare la prevenzione e il trattamento. ( Xagena2017 )

Crane HM et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 260-267

Cardio2017 Inf2017



Indietro