Reumatologia
Mediexplorer
Neurologia

Terapia antiretrovirale per la prevenzione della trasmissione di infezione da HIV-1


Una analisi ad interim dei dati ottenuti dallo studio HPTN ( HIV Prevention Trials Network ) 052 ha dimostrato che la terapia antiretrovirale ( ART ) ha impedito oltre il 96% delle infezioni geneticamente-correlate causate dal virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 ( HIV-1 ) in coppie sierodiscordanti.
La terapia antiretrovirale è stata poi offerta a tutti i pazienti con infezione da HIV-1 ( partecipanti indice ).

Lo studio ha incluso più di 5 anni di follow-up per valutare la durata di tale terapia per la prevenzione della trasmissione di HIV-1.

Sono stati randomizzati 1.763 partecipanti indice a ricevere terapia antiretrovirale precoce o ritardata.
Nel gruppo terapia antiretrovirale precoce, 886 partecipanti hanno iniziato la terapia all'arruolamento ( CD4+, da 350 a 550 cellule per millimetro cubo ).
Nel gruppo terapia antiretrovirale ritardata, 877 partecipanti hanno iniziato la terapia dopo che due conte consecutive di CD4+ erano scese al di sotto di 250 cellule per millimetro cubo o se avevano sviluppato una malattia indicativa della sindrome da immunodeficienza acquisita ( cioè una malattia che definisce l'AIDS ).

L'endpoint primario dello studio era la diagnosi di infezione da HIV-1 geneticamente-correlata nel partner precedentemente HIV-1 negativo in un'analisi intention-to-treat.

I partecipanti indice sono stati seguiti per 10.031 anni-persona; i partner sono stati seguiti per 8.509 anni-persona.

Tra i partner, sono state osservate 78 infezioni da HIV-1 durante lo studio ( incidenza annuale, 0.9% ).

Lo stato di collegamento virale è stato determinato per 72 ( 92% ) delle infezioni dei partner. Di queste infezioni, 46 erano collegate ( 3 nel gruppo di terapia antiretrovirale precoce e 43 nel gruppo terapia antiretrovirale ritardata, incidenza 0.5% ) e 26 erano scollegate ( 14 nel gruppo terapia antiretrovirale precoce e 12 nel gruppo terapia antiretrovirale ritardata, incidenza 0.3% ).

La terapia antiretrovirale precoce è risultata associata a un rischio del 93% più basso di infezione collegata al partner rispetto alla terapia antiretrovirale ritardata ( hazard ratio, HR=0.07 ).

Non sono state osservate infezioni correlate quando l’infezione da HIV-1 è stata stabilmente soppressa dalla terapia antiretrovirale nei partecipanti indice.

in conclusione, l'inizio precoce della terapia antiretrovirale ha portato a una diminuzione sostenuta delle infezioni da HIV-1 geneticamente correlate nei partner sessuali. ( Xagena2016 )

Cohen MS et al, N Engl J Med 2016; 375: 830-839

Inf2016 Farma2016


Indietro