modelli e strategie decisionali
Cardiologia.net
Gastroenterologia.net

Stima dei rischi di infarto miocardico tra i pazienti con virus della immunodeficienza umana


Le persone con infezione da virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) trattato con la terapia antiretrovirale hanno migliorato la longevità, ma affrontano un elevato rischio di infarto del miocardio a causa di comuni fattori di rischio di infarto miocardico e fattori HIV-specifici.
Nonostante i tassi elevati di infarto miocardico, rimangono non ben definiti i metodi ottimali per prevedere i rischi di infarto miocardico per le persone con infezione da HIV.

L'obiettivo dello studio è stato quello di determinare se gli strumenti di stima esistenti e quelli de novo siano in grado di prevedere l'infarto miocardico in uno studio multicentrico di coorte con infezione da HIV.

Sono state valutate le prestazioni di standard di cura e di due nuovi modelli di stima del rischio di infarto miocardico in 5 siti dei Centers for AIDS Research Network of Integrated Clinical Systems negli Stati Uniti, coinvolgendo in uno studio multicentrico clinico prospettico di coorte 19.829 adulti con infezione da HIV che avevano ricevuto cure presso strutture ospedaliere e ambulatoriali dal 1995.
I nuovi modelli di stima del rischio sono stati convalidati in una coorte separata dalla coorte di derivazione.

Per calcolare i tassi di eventi previsti sono stati usati i fattori di rischio cardiovascolare tradizionali, la carica virale del virus HIV, la conta dei linfociti CD4, l'uso di statine, l'uso di antiipertensivi e l'uso di farmaci antiretrovirali.

Degli 11.288 pazienti con dati di base completi, 6.904 erano bianchi e 9.250 erano uomini. 

I tassi di infarto miocardico sono risultati più alti tra gli uomini di razza nera ( 6.9 per 1.000 anni-persona ) e per le donne di razza nera ( 7.2 per 1.000 anni-persona ) rispetto agli uomini di razza bianca ( 4.4 per 1.000 anni-persona ) e alle donne di razza bianca ( 3.3 per 1.000 anni-persona ), nei partecipanti più anziani ( rispettivamente 7.5 vs 2.2 casi di infarto miocardico per 1.000 anni-persona per gli adulti di 40 anni e più anziani rispetto a quelli con meno di 40 anni all'inizio dello studio ) e nei partecipanti senza soppressione virale ( 6.3 vs 4.7 per 1.000 anni-persona per i partecipanti con e senza carica virale rilevabile, rispettivamente ).

Le 2013 Pooled Cohort Equations, che prevedono i tassi compositi di infarto miocardico e ictus, hanno adeguatamente discriminato i tassi di infarto miocardico ( Harrell C statistica=0.75 ).

Due modelli derivati dai dati che hanno incorporato covariate HIV-specifiche hanno mostrato una calibrazione debole in un campione di validazione e non hanno discriminato meglio il rischio ( Harrell C statistica=0.72 e 0.73 ), rispetto alle Pooled Cohort Equations.

Le Pooled Cohort Equations sono state moderatamente calibrate nei Centers for AIDS Research Network of Integrated Clinical Systems, ma hanno previsto tassi di infarto miocardico costantemente più bassi.

In conclusione, le Pooled Cohort Equations hanno discriminato il rischio di infarto miocardico e sono state moderatamente calibrate in questo studio multicentrico di coorte con HIV. 
L'aggiunta di fattori specifici per HIV non ha migliorato le prestazioni del modello.  ( Xagena2017 )

Feinstein MJ et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 155-162

Cardio2017 Inf2017



Indietro