modelli e strategie decisionali
Neurologia
OncologiaMedica.net
Mediexplorer

Associazione tra infezione da HIV e rischio di insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta e frazione di eiezione conservata nell'epoca della terapia antiretrovirale


Con una sopravvivenza migliore, l'insufficienza cardiaca ( HF ) è diventata una grave complicanza per gli individui con infezione da virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ).
Non è chiaro se questo rischio si estenda a diversi tipi di insufficienza cardiaca nell'era della terapia antiretrovirale ( ART ).

Determinare se l'infezione da HIV sia associata a insufficienza cardiaca con una frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ), insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( HFpEF ) o entrambe, è importante perché i tipi di insufficienza cardiaca si differenziano rispetto al meccanismo sottostante al trattamento e alla prognosi.
Si è valutato se l'infezione da HIV aumenti il rischio in tempi successivi di HFrEF e HFpEF, e si è valutato se questo rischio vari per fattori socio-demografici e fattori specifici per l'HIV.

Sono stati valutati 98.015 partecipanti senza malattia cardiovascolare al basale dallo studio VACS ( Veterans Aging Cohort Study ), una coorte di osservazione di veterani con infezione da HIV e di veterani non-infettati abbinati per età, sesso, etnia e Centro clinico, arruolati dal 2003 e seguiti fino al 2012.

Gli esiti hanno incluso HFpEF ( frazione di eiezione maggiore o uguale al 50% ), HFpEF borderline ( frazione di eiezione 40%-49% ), HFrEF ( frazione di eiezione inferiore al 40% ) e insufficienza cardiaca di tipo sconosciuto ( frazione di eiezione mancante ).
Tra i 98.015 partecipanti, l'età media al momento dell'arruolamento nello studio era di 48.3 anni, il 97.0% era rappresentato da uomini e il 32.2% aveva infezione da HIV.

Durante un follow-up mediano di 7.1 anni, sono stati registrati 2.636 eventi di insufficienza cardiaca totali ( 34.6% HFpEF, 15.5% HFpEF borderline, HFrEF 37.1%, insufficienza cardiaca di tipo sconosciuto 12.8% )
Rispetto ai veterani non infettati, i veterani con infezione da HIV hanno avuto un aumentato rischio di HFpEF ( hazard ratio, HR=1.21 ); HFpEF ( HR=1.37 ); HFrEF ( HR=1.61 ).

Il rischio di HFrEF è risultato pronunciato nei veterani di età inferiore a 40 anni al basale ( HR=3.59 ).
Tra i veterani con infezione da HIV, una carica virale di HIV-1 RNA di almeno 500 copie/ml rispetto a meno di 500 copie/ml era associata a un rischio aumentato di HFrEF, e una conta di cellule CD4 inferiore a 200 cellule/mm3, rispetto ad almeno 500 cellule/mm3, è risultata associata a un aumentato rischio di HFrEF e HFpEF.

In conclusione, gli individui con infezione da HIV hanno un rischio aumentato di HFpEF, HFpEF borderline e HFrEF, rispetto agli individui non-infettati.
L'aumento del rischio di HFrEF può manifestarsi decenni prima di quanto ci si potrebbe aspettare in una tipica popolazione non-infettata.
Le future ricerche dovrebbero riguardare la prevenzione, la stratificazione del rischio e l'identificazione dei meccanismi per HFrEF e HFpEF nella popolazione infettata da HIV. ( Xagena2017 )

Freiberg MS et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 536-546

Inf2017 Cardio2017



Indietro