Ematologia.net
Cardiologia.net
Reumatologia

Associazione tra disturbi depressivi e infarto miocardico acuto in adulti infetti da virus dell'immunodeficienza umana


Con l'avvento della terapia antiretrovirale altamente efficace e migliore sopravvivenza, le persone infettate da virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) vivono più a lungo e sono ad aumentato rischio di malattie cardiovascolari.
Vi è un urgente bisogno di individuare nuovi fattori di rischio e approcci per la prevenzione cardiovascolare primaria nei pazienti con infezione da HIV.

Anche se la depressione è prevalente negli adulti con infezione da HIV ed è associata a future malattia cardiovascolare nella popolazione generale, la sua associazione con eventi cardiovascolari non è stata esaminata nella popolazione con infezione da HIV.

Uno studio di coorte ha verificato se i disturbi depressivi sono prospetticamente associati a infarto miocardico acuto ( IMA ) incidente in un'ampia coorte di adulti con infezione da HIV.
Sono stati esaminati 26.144 veterani con infezione da HIV senza malattia cardiovascolare al basale ( 1998-2003 ) che hanno partecipato allo studio VACS ( US Department of Veterans Affairs Veterans Aging Cohort Study ) dal 2003 al 2009.

Al basale, sono stati identificati 4.853 veterani ( 19% ) con disturbo depressivo maggiore e 2.296 ( 9% ) con disturbo distimico.

L'attuale analisi è stata condotta nel 2015.

L’esito principale era l’infarto miocardico acuto incidente ( definito dalla documentazione alla dimissione, evidenza enzimatica / elettrocardiografica di infarto miocardico acuto, ricovero per infarto o infarto miocardico come causa della morte ) tra la data di arruolamento e il 2009.

L’età media dei soggetti con disturbo depressivo maggiore era di 47.3 anni e per quelli senza il disturbo era di 48.2 anni.

Durante 5.8 anni di follow-up, si sono verificati 490 eventi di infarto miocardico acuto ( 1.9% ).

Il disturbo depressivo maggiore al basale è risultato associato a infarto miocardico acuto incidente dopo aggiustamento per le caratteristiche demografiche ( hazard ratio, HR=1.31 ), fattori di rischio cardiovascolare ( HR=1.29 ) e fattori HIV-specifici ( HR=1.30 ).

Ulteriori aggiustamenti per epatite C, malattie renali, abuso di sostanze, e livelli di emoglobina ( HR=1.25 ) e uso di antidepressivi ( HR=1.12 ) hanno attenuato le associazioni.
Il disturbo distimico al basale non era associato a incidenza di infarto miocardico acuto.

In conclusione, sono state fornite evidenze che gli adulti affetti da infezione da HIV con disturbo depressivo maggiore presentano un rischio aumentato del 30% di infarto miocardico acuto rispetto agli adulti con infezione da HIV senza depressione maggiore dopo aggiustamento per molti potenziali fattori confondenti.
I risultati sollevano la possibilità che la depressione maggiore possa essere associata in modo indipendente a malattia cardiovascolare aterosclerotica incidente nella popolazione con infezione da virus HIV. ( Xagena2016 )

Khambaty T et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 929-937

Inf2016 Cardio2016 Psyche2016



Indietro